EREMO DI CAMARDOLI

L’Eremo, isolato in mezzo a una foresta, appena sotto la cima degli Appennini, ha costituito l’habitat naturale nel quale i camaldolesi hanno iniziato la loro avventura e che non hanno mai abbandonato anche dopo essersi irradiati nelle città.
La vita della comunità monastica condotta in questo luogo carico di storia e relativamente isolato può sorprendere. Questo non deve far pensare che i monaci vogliano vivere come testimoni di un’epoca passata e in una maniera incantata secondo un immaginario anche troppo diffuso. Si tratta invece di un gruppo di uomini che vivono la sequela del Vangelo inseriti nella cultura del loro tempo e che si confrontano con tutti gli aspetti e i valori della realtà contemporanea.
L’eremo camaldolese si colloca tra il modo di vivere cenobitico e quello anacoretico, ne ritiene gli elementi migliori e crea un saggio equilibrio di solitudine e di vita comune. I monaci, nella sincera ricerca di Dio, riservano una particolare attenzione all’incontro filiale con Lui che si esprime nella preghiera, vissuta secondo la tradizione dei Padri.
La carità che unisce i fratelli in unica famiglia, il mistero di Cristo celebrato e vissuto in coerenza di vita, la Parola di Dio ascoltata e meditata ogni giorno, il colloquio orante che li unisce al Padre nell’ascesi e nella gioia dello Spirito, fanno della comunità monastica una proclamazione della presenza del Cristo nella Chiesa e dell’attesa del Regno dei cieli.
La forma più tradizionale di presenza dei monaci nel mondo è l’ospitalità che, secondo la Regola, tende non solo ad offrire sollievo materiale a coloro che visitano la comunità, ma anche a offrire sostegno spirituale nella comunione di vita e nell’incontro con la Parola di Dio.

DIGA DI RIDRACOLI

Un perfetto esempio di equilibrio tra ingegneria umana e ambiente naturale.
Un posto bellissimo che unisce l’utilità alla bellezza di un luogo da visitare. Parliamo della diga di Ridracoli, lo sbarramento artificiale del Fiume Bidente di Ridracoli e del più breve Rio Celluzze che, dagli anni ’80, fornisce acqua ad oltre un milione di persone della Riviera Romagnola e della pianura delle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini.
Il lago di Ridracoli si trova nel comune di Bagno di Romagna, sull’Appennino Romagnolo (provincia di Forlì-Cesena) ad un altezza di 557 metri sul livello del mare e rappresenta un piccolo angolo di paradiso dal forte impatto turistico e ambientale con numerose opportunità di svago.

L’invaso realizzato tra il 1974 e il 1982, si allunga per quasi 5 chilometri verso l’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi Monte Falterona e Campigna, luogo che ospita moltissimi animali tra cui i meno timidi daini e caprioli, che spesso è possibile avvistare lungo la strada per arrivare o durante i tour in battello elettrico sul lago.
Anche la vegetazione contribuisce in larga parte alla bellezza e unicità di questo luogo ed è possibile ammirarla in autonomia o tramite visite guidate che vengono organizzate durante tutto l’anno.

Le prenotazioni dovranno pervenire entro e non oltre il 19/06/20

PROGRAMMA

Ore 07:30: ritrovo partecipanti presso piazzale Superbike;

Ore 08:00: partenza per il tour alla volta dell’Eremo di Camaldoli.

Ore 11:10: arrivo all’eremo; sosta per chi desideri visitarlo;

Ore 12:15: partenza con destinazione la trattoria “Il Capanno”;

Ore 12:40: arrivo alla trattoria e sosta per il pranzo;

Ore 15:00: ripartenza per la diga di Ridracoli;

Ore 16:00: arrivo alla diga e sosta;

Ore 16:30: ripartenza con destinazione Modena-Superbike.

Previsto rientro: ore 19:00.

Km percorsi: 400.

MENU’ CONCORDATO

Antipasto Capanno

Ravioli ai porcini / Gnocchi al cervo (bis)

Grigliata mista / Cinghiale in salmì – contorni misti

Cantucci e vin santo

Bevande varie

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE ATTENZIONE “ Per l’accesso ad attività di ristorazione con consumazione al tavolo, la rilevazione della temperatura corporea dei clienti è obbligatoria.
Se tale temperatura dovesse risultare superiore a 37,5°, non sarà consentito l’accesso alla sede e l’interessato sarà informato della necessità di contattare il proprio medico curante.”

 

 

ELENCO PARTECIPANTI

NOMECOGNOMENOME PASSEGGEROPARTECIPANTI
DonatoArioliIrina2
VittorinoVeneri1
StefanoPisseri1
Antonio Tomasinelli1
MarzioMalaguti1
AleteVignaliNadia2
GiuseppeAltieri1
RobertoNipoti1
DomingoBufano1
StefanoArtioliIolanda2
GiampieroIacoboni1
Polizmoglie2
GemesGiovanardi1

Percorso GPS

Scaricalo per il tuo BMW Motorrad Navigator .

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi