Un percorso di forte significato, che unisce alle antiche tradizioni, l’ambiente e la buona cucina. 

La Strada dei Mulini è uno dei percorsi più suggestivi della provincia piacentina, fosse solo per quello che i mulini rappresentano da queste parti. Sono edifici che parlano di una lunga storia, fatta di lavoro e di sacrifici, di regole e di cibo, di crescita e di sviluppo; tanto di quello che oggi si può vedere ed apprezzare di questo bel tratto della val Tidone, e non solo, passa attraverso le mole e gli attrezzi che ancora sono ben conservati all’interno di questi mulini. 

L’Associazione Strada dei Mulini racchiude circa una ventina di aderenti, tra mulini, aziende agricole, aziende vitivinicole e prodotti artigianali tipici. L’intento consiste nel recupero degli oltre trenta mulini sparsi nel territorio, allo scopo di ripristinare, anche solo a livello dimostrativo e didattico, la loro funzionalità, riproponendoli quali strutture ricettive e di ospitalità, o di interesse culturale, come il Mulino Lentino, oggi Museo della Civiltà Molitoria, che espone una serie di oggetti, documenti ed attrezzi, frutto di ricerca e studi approfonditi. 

La Strada dei Mulini presenta un tracciato che interessa parte del territorio della media ed alta Val Tidone, comprendendo i comuni di Pianello, Nibbiano, Caminata e Pecorara. 

La prima tappa lasciato l’Agriturismo Villa Paradiso è Borgono val Tidone per visitare il centro storico e la rocca. Si procede per Pianello e si fa tappa a Corano, un piccolo borgo con belle dimore rurali ed un antico castello ricostruito nel 1453. 

Dopo qualche chilometro si giunge poi a Fabbiano, dove già troviamo i primi mulini: il Vai e il Cittadino in loc. Vai. Proseguendo lungo la statale, dopo poche centinaia di metri, sulla sinistra, il Santa Margherita; successivamente ne incontriamo altri tre: il Mulino Spada, il Piano e il Rosso. 

Proprio da quest’ultimo ha inizio un sentiero escursionistico che, a piedi, attraversando il centro abitato di Pianello, conduce fino a Pecorara oltrepassando Nibbiano, incontrando in successione i mulini Nuovo, Rizzo, Ceppetto, Gobbo, Lentino, Molinazzo, Baldante, Reguzzi, Tombino, Albertini, Fracassi e, un po più in la, Molinello. 

Si rientra all’Agriturismo Villa Paradiso dopo aver percorso 30 km e visitato numerose località e edifici, lungo un percorso ricco di suggestioni. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi